MONETE EMESSE PER LA CIRCOLAZIONE ORDINARIA DAL 1900 AL 1943

  1 Centesimo VALORE

MODELLI E INCISIONE: Filippo Speranza
METALLO: (Cu) Rame 960‰
DIAMETRO: 15 mm
PESO: 1 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA. Iniziale del modellista incisore Speranza sotto al collo: S.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Tra fronde di lauro e di quercia annodate in basso: Valore nominale 1 CENTESIMO su due righe; sotto, la data di coniazione. In basso modello di zecca R, in apice stella fulgente.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1902

 

R

26.308

R3

1903

 

R

5.655.000

C

1904

 

R

14.626.161

C

1905

 

R

8.530.531

C

1908

 

R

3.859.140

C

Fuori corso da giugno del 1924. Per le successive emissioni del Regno la coniazione di monete da 1 e 2 centesimi fu abolita.

La moneta con millesimo 1902, data la sua rarità, risulta essere molto falsificata.

IN ALLESTIMENTO…

  1 Centesimo ITALIA SU PRORA

MODELLI: Pietro Canonica
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Cu) Rame 960‰
DIAMETRO: 15 mm
PESO: 1 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Rappresentazione giunonica dell'Italia che reca nella mano destra un ramoscello, in piedi su prora di nave in mare e sulla stessa segno di zecca R e sigle P. C. M. modellista || L. G. I. incisore. In legenda valore nominale CENT. 1. | data.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1908

 

R

56.860

R2

1909

 

R

3.359.000

C

1910

R/ 1910.

R

3.598.560

C

1911

R/ 1911,

R

700.000

R

1912

 

R

3.995.000

NC

1913

 

R

3.200.000

NC

1914

 

R

11.585.000

C

1915

 

R

9.757.440

C

1916

 

R

9.845.000

C

1917

 

R

2.400.000

NC

1918

 

R

2.710.000

NC

Fuori corso da giugno del 1924. Per le successive emissioni del Regno la coniazione di monete da 1 e 2 centesimi fu abolita.

Esiste una variante per il millesimo 1911 che non presenta il punto dopo la data. Tale moneta risulta essere molto difficile da reperire rispetto al millesimo con il punto.

Da “il giornale della Numismatica” Due varianti di data del centesimo Italia su prora 1908: un approfondimento

IN ALLESTIMENTO…

  2 Centesimi VALORE

MODELLI E INCISIONE: Filippo Speranza
METALLO: (Cu) Rame 960‰
DIAMETRO: 20 mm
PESO: 2 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA. Iniziale del modellista incisore Speranza sotto al collo: S.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Tra fronde di lauro e di quercia annodate in basso: Valore nominale 2 CENTESIMI su due righe; sotto, la data di coniazione. In basso modello di zecca R, in apice stella fulgente.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1903

 

R

5.000.000

C

1905

 

R

1.260.000

NC

1906

 

R

3.145.000

C

1907

 

R

230.000

R2

1908

 

R

1.518.000

C

Fuori corso da giugno del 1924. Per le successive emissioni del Regno la coniazione di monete da 1 e 2 centesimi fu abolita.

IN ALLESTIMENTO…

  2 Centesimi ITALIA SU PRORA

MODELLI: Pietro Canonica
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Cu) Rame 960‰
DIAMETRO: 20 mm
PESO: 2 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Rappresentazione giunonica dell'Italia che reca nella mano destra un ramoscello, in piedi su prora di nave in mare e sulla stessa segno di zecca R e sigle P. C. M. modellista || L. G. I. incisore. In legenda valore nominale CENT. 2. | data.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1908

 

R

297.500

R

1909

 

R

2.419,359

C

1910

R/ 1910.

R

589.975

R

1911

R/ 1911. Senza sigla INC. e MOD.

R

2.777.155

C

1912

 

R

840.000

NC

1914

 

R

1.647.500

C

1915

 

R

4.860.000

C

1916

 

R

1.540.000

C

1917

 

R

3.637.500

C

Fuori corso da giugno del 1924. Per le successive emissioni del Regno la coniazione di monete da 1 e 2 centesimi fu abolita.

IN ALLESTIMENTO…

  5 Centesimi ITALIA SU PRORA

MODELLI: Pietro Canonica
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Cu) Rame 950‰
DIAMETRO: 25 mm
PESO: 5 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ ITALIA.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Rappresentazione giunonica dell'Italia che reca nella mano destra un ramoscello, in piedi su prora di nave in mare e sulla stessa segno di zecca R e firme P. CANONICA M. modellista || L. GIORGI. I. incisore. In legenda valore nominale CENT. 5 | data.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1908

 

R

824.390

R

1909

 

R

1.733.610

NC

1912

D/ D’ • ITALIA

R

743.000

NC

1913

D/ D’ • ITALIA

R

1.964.066

C

1913

D/ D’ITALIA senza punto •

R

R2

1915

 

R

1.038.000

NC

1918

 

R

4.242.000

C

Esistono falsi per il millesimo 1913 senza punto ricavati da monete autentiche del 1918 lavorate con fresa meccanica per la rimozione di parte del numero 8 della data. Tali monete sono riconoscibili in quanto il 3 ricavato differisce dall’originale.

IN ALLESTIMENTO…

  5 Centesimi SPIGA

MODELLI E INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Cu) Rame 950‰
DIAMETRO: 19,5 mm
PESO: 3,25 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA. Firma del modellista incisore A. MOTTI in basso sotto al collo.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Spiga di grano simmetrica con foglia a sinitra tra l'indicazione del nominale C. | 5. Nel campo destro data e segno di zecca R al margine basso della spiga raffigurata.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1919

 

R

13.208.000

NC

1920

 

R

33.372.000

C

1921

 

R

80.110.889

C

1922

 

R

42.914.000

C

1923

 

R

29.614.000

C

1924

 

R

20.352.000

C

1925

 

R

40.460.000

C

1926

 

R

21.158.000

C

1927

 

R

15.800.475

C

1928

 

R

16.090.000

C

1929

 

R

29.000.000

C

1930

 

R

22.694.000

C

1931

 

R

20.000.000

C

1932

 

R

11.456.007

C

1933

 

R

20.720.000

C

1934

 

R

16.000.000

C

1935

 

R

11.000.000

C

1936

 

R

9.462.000

C

1937

 

R

972.000

R

Questa moneta è definita di 2° tipo in quanto segue una precedente coniazione ufficiale, con millesimi 1918 e 1919, mai entrata in circolazione, in lega ferro 750‰ nichelio 250‰.

Da “cronaca numismatica” Il rovescio dei 5 CENTESIMI SPIGA? E’ di Benedetto PISTRUCCI!

IN ALLESTIMENTO…

  5 Centesimi IMPERO - 1° tipo (rame)

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Cu) Rame 950‰
DIAMETRO: 19,5 mm
PESO: 3,25 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a destra, in legenda VITT EM • / III RE E IMP •.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Aquila con corpo di fronte, ad ali spiegate con capo volto a destra, poggiata su fascio littorio in orizzontale. In legenda in alto ITALIA. In esergo stemma sabaudo crociato e coronato tra C. | 5, a sinistra anno con sotto segno di zecca R, a destra indicazione era fascista. In basso lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1936 XIV

 

R

4.998.000

NC

1937 XV

 

R

7.207.000

C

1938 XVI

 

R

24.000.000

C

1939 XVII

 

R

22.000.000

C

Questa moneta, come tutte le monete dell’epoca, oltre che all’anno di coniazione riporta la numerazione in numeri romani della corrispettiva era fascista.

IN ALLESTIMENTO…

  5 Centesimi IMPERO - 2° tipo (bronzital)

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Ba) Bronzital
DIAMETRO: 19,5 mm
PESO: 3,25 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a destra, in legenda VITT EM • | III RE E IMP •.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Aquila con corpo di fronte, ad ali spiegate con capo volto a destra, poggiata su fascio littorio in orizzontale. In legenda in alto ITALIA. In esergo stemma sabaudo crociato e coronato tra C. | 5, a sinistra anno con sotto segno di zecca R, a destra indicazione era fascista. In basso lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1939 XVII

 

R

10.632.000

C

1940 XVIII

 

R

16.340.000

C

1941 XIX

 

R

25.200.000

C

1942 XX

 

R

13.922.000

C

1943 XXI

 

R

372.000

R

Questa moneta, come tutte le monete dell’epoca, oltre che all’anno di coniazione riporta la numerazione in numeri romani della corrispettiva era fascista.

Coniata durante un particolare periodo storico, contrassegnato da vicende belliche, per mancanza di premura nel rifacimento dei conii e per usura degli stessi per numerose battiture, un cospicuo numero degli esemplari coniati presenta un conio decisamente debole con dettagli poco marcati.

IN ALLESTIMENTO…

  10 Centesimi CINQUANTENARIO

MODELLI: Domenico Trentacoste
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Cu) Rame 950‰
DIAMETRO: 30 mm
PESO: 10 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D'ITALIA. Sotto al collo su due righe firma D. TRENTACOSTE modellista e L. GIORGI INC. incisore. Bordo orlato da una serie di intaccature e risalti.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura allegorica femminile rappresentante l'Italia, con alle spalle figura allegorica elmata poggiata su piedistallo rappresentate Roma. Sullo sfondo una nave in mare. A destra nel campo linea d'orizzonte con sopra le date 1861-1911 e sotto un aratro con ghirlanda di fiori. A sinistra valore nominale C 10. Bordo orlato da una serie di intaccature e risalti.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1911

 

R

2.000.000

C

Questa moneta, coniata per commemorare il 50° anniversario dell’unità d’Italia, va a collocarsi in una serie di quattro valori di pregevole impatto visivo e molto apprezzata dai collezionisti. Tale serie è composta ulteriormente dal nominale da 2 e 5 lire rispettivamente in argento 835‰ e 900‰ e dal nominale da 50 lire in oro 900‰.

Da “il giornale della Numismatica” “SECOL SI RINNOVA” MONETE (E UNA MEDAGLIA) PER IL 50° DEL REGNO

IN ALLESTIMENTO…

  10 Centesimi APE

MODELLI: D/ Attilio Silvio Motti
                 R/ Renato Brozzi
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Cu) Rame 950‰
DIAMETRO: 22,5 mm
PESO: 5,4 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA. Firma del modellista incisore A. MOTTI in basso sotto al collo.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Ape poggiata su fiore di papavero che copre la quasi totalità del campo. A destra indicazione del nominale C 10. Sotto l'ape simbolo di zecca R, in basso data e a destra lungo il bordo firma modellsta R. BROZZI.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1919

 

R

986.000

R

1920

 

R

37.995.000

C

1921

 

R

66.510.000

C

1922

 

R

45.217.487

C

1923

 

R

31.529.000

C

1924

 

R

35.312.000

C

1925

 

R

22.370.000

C

1926

 

R

25.190.000

C

1927

 

R

22.673.000

C

1928

 

R

15.680.000

C

1929

 

R

15.593.000

C

1930

 

R

17.115.000

C

1931

 

R

10.750.000

C

1932

 

R

5.678.000

C

1933

 

R

10.250.000

C

1934

 

R

18.300.000

C

1935

 

R

10.500.000

C

1936

 

R

8.770.000

C

1937

 

R

5.500.000

C

Il millesimo 1919 risulta essere molto falsificato data la rarità a seguito della tiratura molto inferiore rispetto agli altri millesimi. Le differenze sostanziali vanno ricercate nella conformazione del bordo, nel colore del metallo, nei particolari dei rilievi e delle firme. Alcuni falsi presentano segni distintivi inequivocabili, tra la V e la E al dritto, nei pressi della firma al rovescio.

IN ALLESTIMENTO…

  10 Centesimi IMPERO - 1° tipo (rame)

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Cu) Rame 950‰
DIAMETRO: 22,5 mm
PESO: 5,4 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITT EM III | • RE E IMP •.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Stemma sabaudo crociato e coronato su fascio littorio in verticale, dalla cui estremità inferiore si dirama una spiga di grano a sinistra e due foglie di quercia a destra. In legenda in alto ITALIA. In esergo, diviso dalla base del fascio, il valore nominale C. | 10, e la data anno | era fascista. In basso lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI. A sinistra nel campo segno di zecca R.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1936 XIV

 

R

8.195.000

NC

1937 XV

 

R

7.212.000

C

1938 XVI

 

R

18.750.000

C

1939 XVII

 

R

24.750.000

C

Questa moneta, come tutte le monete dell’epoca, oltre che all’anno di coniazione riporta la numerazione in numeri romani della corrispettiva era fascista.

IN ALLESTIMENTO…

  10 Centesimi IMPERO - 2° tipo (bronzital)

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Ba) Bronzital
DIAMETRO: 22,5 mm
PESO: 4,9 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITT EM III | • RE E IMP •.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Stemma sabaudo crociato e coronato su fascio littorio in verticale, dalla cui estremità inferiore si dirama una spiga di grano a sinistra e due foglie di quercia a destra. In legenda in alto ITALIA. In esergo, diviso dalla base del fascio, il valore nominale C. | 10, e la data anno | era fascista. In basso lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI. A sinistra nel campo segno di zecca R.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1939 XVII

 

R

26.105.000

C

1940 XVIII

 

R

23.355.000

C

1941 XIX

 

R

27.050.000

C

1942 XX

 

R

18.100.000

C

1943 XXI

 

R

25.400.000

C

Questa moneta, come tutte le monete dell’epoca, oltre che all’anno di coniazione riporta la numerazione in numeri romani della corrispettiva era fascista.

Coniata durante un particolare periodo storico, contrassegnato da vicende belliche, per mancanza di premura nel rifacimento dei conii e per usura degli stessi per numerose battiture, un cospicuo numero degli esemplari coniati presenta un conio decisamente debole con dettagli poco marcati.

IN ALLESTIMENTO…

  20 Centesimi LIBERTA' LIBRATA

MODELLI: Leonardo Bistolfi
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Ni) Nichelio 975‰
DIAMETRO: 21,5 mm
PESO: 4 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto a collo nudo di profilo femminile a sinistra rappresentante l'Italia che reca in mano una spiga di grano. Lungo il bordo in alto a sinistra la scritta ITALIA.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Aggraziata figura allegorica femminile rappresentate la libertà librata volteggiate come in un volo armonioso, che reca nella mano una fiaccola accesa. Volta a sinistra con capelli, veste e fuoco della fiaccola a destra sotto vento. In esergo stemma sabaudo crociato e coronato con Collare dell'Annunziata e fregi. A sinistra e destra in simmetria lungo i bordi rispettivamente firma modellista L. BISTOLFI M. e firma incisiore L. GIORGI INC. Nel campo a sinistra valore nominale C 20, con sotto la data e segno di zecca R su due righe.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1908

 

R

14.315.000

C

1909

 

R

19.280.000

C

1910

 

R

21.887.000

C

1911

 

R

13.671.000

C

1912

 

R

21.040.000

C

1913

 

R

20.729.000

C

1914

 

R

14.307.666

C

1919

 

R

3.474.725

NC

1920

 

R

27.283.800

C

1921

 

R

50.372.000

C

1922

 

R

17.134.309

C

Una vera e propria opera d’arte del Maestro modellista Bistolfi che esprime tutta l’arte incisoria del periodo grazie alla rappresentazione del Maestro Giorgi. Un vero peccato poter ammirare una tale rappresentazione solo ed esclusivamente su di una moneta dal modulo ridotto.

Da “cronaca numismatica” La contadina e la poetessa, due muse per i 20 centesimi di Leonardo Bistolfi

IN ALLESTIMENTO…

  20 Centesimi ESAGONO

MODELLI E INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Ni) Nichelio 250‰
                  (Cu) Rame 750‰
DIAMETRO: 21,3 mm
PESO: 4 gr
CONTORNO: liscio o rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
In perlinatura sul bordo, stemma sabaudo crociato e coronato sovrapposto a due rami incrociati di lauro e di quercia. In basso iniziali modellista e incisore AM. In alto lungo il bordo REGNO D'ITALIA.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura geometrica esagonale all'interno all'interno della quale è indicato su tre righe valore nominale CENT. || 20 || data, circondata per l'intera circonferenza da una corona di lauro con legature con successiva ed adiacente perlinatura lungo il bordo.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1918

 

R

43.097.000

C

1919

 

R

33.432.000

C

1920

 

R

923.000

R

Per la coniazione dei pezzi datati 1918 e 1919 furono utilizzate le monete ritirate precedentemente dalla circolazione da 20 centesimi in nichelio coniate sotto il Regno di Umberto I nel 1894 e 1895. A merito di ciò diviene possibile appurare le tracce del vecchio conio su numerose monete coniate, sia in termini di rilevo, apprezzabili come fantasmini sulle stesse, sia in termini di contorno, che può presentarsi più o meno rigato, a tratti rigato o totalmente liscio. Le monete in alta conservazione che denotano marcate tracce del vecchio conio o che in alcuni casi presentano tutto il design dello stesso, seguono una quotazione maggiore sul mercato, perché molto apprezzate e ricercate dai collezionisti come testimonianza della vecchia coniazione.

IN ALLESTIMENTO…

  20 Centesimi IMPERO

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Ni) Nichelio 990‰
DIAMETRO: 21,5 mm
PESO: 4 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITT EM III • | RE E IMP •. In basso lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Testa volta a destra di donna intrepida e fiera rappresentante l'Italia. A sinistra, sovrapposto al capo stemma sabaudo crociato e coronato su fascio littorio in verticale. In legenda a destra ITALIA. In esergo il valore nominale C. 20 alla cui sinistra segno di zecca R e indicazione era fascista. Alla destra data.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1936 XIV

 

R

117.000

R2

1939 XVII

Ac/Ni antimagnetica

R

10.463.000

C

Ac magnetica

R

NC

1939 XVIII

Ac/Ni antimagnetica

R

25.300.000

C

Ac magnetica

R

NC

1940 XVIII

Ac/Ni antimagnetica

R

35.350.000

CC

Ac magnetica

R

CC

1941 XIX

Ac magnetica

R

107.300.000

CC

1942 XX

Ac magnetica

R

99.900.000

CC

1943 XXI

Ac magnetica

R

57.003.000

CC

Nelle monete datate 1939 e 1940 è possibile notare un marcato o nullo magnetismo del metallo. Ciò dovuto al fatto che la composizione della lega formata da acciaio e nichelio vedeva ridursi progressivamente il quantitativo di quest’ultimo al suo interno, fino ad ottenere monete totalmente calamitabili in acmonital (acciaio monetario italiano). 

Dato il progressivo ridursi del quantitativo di nichelio si può apprezzare un magnetismo più o meno marcato, intenso, mediamente intenso, moderato, debole o nullo, in base alla quantità di nichelio presente nella lega. Le coniazioni successive al 1940 sono totalmente in acmonital, quindi calamitabili.

IN ALLESTIMENTO…

  25 Centesimi VALORE

MODELLI E INCISIONE: Filippo Speranza
METALLO: (Ni) Nichelio 975‰
DIAMETRO: 21,5 mm
PESO: 4,14 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Imponente aquila in stile araldico con corpo di fronte, ali spiegate e testa volta a sinistra, scudo sabaudo in petto e corona al di sopra del capo con nastrini. Bordo perlinato, in legenda ★ VITTORIO EMANUELE III RE D'ITALIA ★ . In basso la data.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Tra fronde di lauro annodate in basso il valore nominale 25. Bordo perlinato, in alto in legenda CENTESIMI, in basso segno di zecca R.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1902

 

R

7.773.480

R

1903

 

R

5.894.520

R

Questa moneta risulta essere la prima ed unica emissione per il nominale da 25 centesimi del Regno d’Italia. Il corso forzoso di tale moneta ebbe vita breve per la similitudine con la moneta da una lira in argento dello stesso periodo.

IN ALLESTIMENTO…

  50 Centesimi LEONI

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Ni) Nichelio 975‰
DIAMETRO: 23,8 mm
PESO: 6 gr
CONTORNO: liscio o rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda VITT EM III RE |D’ITALIA. In basso lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Quadriga trainata da leoni in movimento verso destra. Sulla stessa seduta La Giustizia in figura simbolica femminile che reca in mano una fiaccola accesa. Sul fianco sigle del modellista G. R. M. e dell'incisore A. M. INC.. Nell'esergo il valore nominale C 50 con sopra a sinistra l'anno e a destra segno di zecca R.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1919

\C liscio

R

3.700.000

NC

1919

\C rigato

R

C

1920

\C liscio

R

29.450.378

CC

1920

\C rigato

R

CC

1921

\C liscio

R

16.848.822

CC

1921

\C rigato

R

CC

1924

\C liscio

R

599.000

R3

1924

\C rigato

R

R

1925

\C liscio

R

24.884.000

C

1925

\C rigato

R

C

Dopo l’emissione e susseguente circolazione queste monete furono ritirate per modificarne il contorno da liscio a rigato, pertanto ogni millesimo presenta le due tipologie di contorno.

Le monete con contorno rigato sono rare in altissima conservazione,  raggiungendo quotazioni molto interessanti sul mercato collezionistico.

IN ALLESTIMENTO…

  50 Centesimi IMPERO

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Ni) Nichelio 975‰
DIAMETRO: 24 mm
PESO: 6 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a destra, in legenda VITT EM III RE E IMP •. In basso lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Aquila di profilo volta a destra con ali spiegate e capo retroflesso, poggiata su fascio littorio orizzontale. In alto ITALIA. In esergo stemma sabaudo crociato e coronato tra l'indicazione del nominale C. | 50 e a sinistra segno di zecca R. Nel campo a sinistra su due righe data || era fascista.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1936 XIV

 

R

118.000

R

1939 XVII

Ac/Ni antimagnetica

R

9.372.000

C

Ac magnetica

R

C

1939 XVIII

Ac/Ni antimagnetica

R

10.005.000

C

Ac magnetica

R

NC

1940 XVIII

Ac/Ni antimagnetica

R

19.005.000

C

Ac magnetica

R

CC

1941 XIX

Ac magnetica

R

58.100.000

CC

1942 XX

Ac magnetica

R

26.450.000

CC

1943 XXI

Ac magnetica

R

3.681.000

R

Nelle monete datate 1939 e 1940 è possibile notare un marcato o nullo magnetismo del metallo. Ciò dovuto al fatto che la composizione della lega formata da acciaio e nichelio vedeva ridursi progressivamente il quantitativo di quest’ultimo al suo interno, fino ad ottenere monete totalmente calamitabili in acmonital (acciaio monetario italiano). 

Dato il progressivo ridursi del quantitativo di nichelio si può apprezzare un magnetismo più o meno marcato, intenso, mediamente intenso, moderato, debole o nullo, in base alla quantità di nichelio presente nella lega. Le coniazioni successive al 1940 sono totalmente in acmonital, quindi calamitabili.

IN ALLESTIMENTO…

  1 Lira AQUILA SABAUDA

MODELLI E INCISIONE: Filippo Speranza
METALLO: (Ag) Argento 835‰
DIAMETRO: 23 mm
PESO: 5 gr
CONTORNO: FERT tra nodi e rosette in incuso

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a destra. Bordo perlinato, in legenda VITTORIO | EMANUELE III. Sotto al collo firma del modellista incisore SPERANZA.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente aquila in stile araldico con corpo di fronte, ali spiegate e testa volta a sinistra, scudo sabaudo in petto e corona al di sopra del capo con nastrini. Bordo perlinato, in legenda ∞ REGNO | D'ITALIA ∞ || L. 1 ★ R ★ data

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1901

 

R

2.590.281

NC

1902

 

R

4.083.605

C

1905

 

R

700.069

R2

1906

 

R

4.665.071

C

1907

 

R

8.471.824

C

Con questa coniazione il Maestro incisore e modellista Filippo Speranza, rompe la monotonia dello stemma sabaudo crociato e coronato caratterizzante di tutta la monetazione in argento e oro dei precedenti regnanti del Regno D’Italia. Da questo momento in poi si assisterà a vere e proprie opere d’arte incisorie su tutta la tipologia monetale col susseguirsi dei diversi Maestri di zecca.

IN ALLESTIMENTO…

  1 Lira QUADRIGA VELOCE

MODELLI: Davide Calandra
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Ag) Argento 835‰
DIAMETRO: 23 mm
PESO: 5 gr
CONTORNO: FERT tra nodi e rosette in incuso

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a destra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA entro cerchi di ornamento. Nel campo a sinistra la firma del modellista D. CALANDRA. M.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente quadriga trainata da cavalli impennati verso sinistra, rigidi e fieri nella figura. Sulla stessa in piedi l'Italia in figura allegorica femminile con elmo e mantello che reca nelle mani un ramoscello e uno scudo. Carro decorato da fiori e FERT. Cerchio di ornamento lungo il bordo; in esergo valore nominale L 1 tra nodi savoia. Alla base della raffigurazione a sinistra firma dell'incisore L. GIORGI. INC..

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1908

 

R

2.212.088

R

1909

 

R

3.474.800

NC

1910

 

R

5.524.672

C

1912

 

R

5.864.646

C

1913

 

R

16.176.910

C

Con i modelli del Maestro Davide Calandra fa il suo ritorno in scena la quadriga, tradizionale simbolo del trionfo e della vittoria, comunemente rappresentata sulle coniazioni di epoca greca e romana e riproposta nella seconda emissione da 1 lira per Re Vittorio Emanuele III.

IN ALLESTIMENTO…

  1 Lira QUADRIGA BRIOSA

MODELLI: Davide Calandra
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Ag) Argento 835‰
DIAMETRO: 23 mm
PESO: 5 gr
CONTORNO: FERT tra nodi e rosette in incuso

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a destra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA. In basso la firma del modellista D. CALANDRA. M.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente quadriga trainata da cavalli impennati e scalcianti verso sinistra, movimentati e briosi nella figura. Sulla stessa in piedi l'Italia in figura allegorica femminile con elmo e mantello che reca nelle mani un ramoscello e uno scudo. Carro decorato da fiori e FERT. In esergo valore nominale L 1 tra nodi savoia. Alla base della raffigurazione a sinistra firma del modellista D. CALANDRA. M, a destra firma dell'inisore A. MOTTI. INC..

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1915

 

R

5.229.214

NC

1916

 

R

1.834.892

R

1917

 

R

9.744.014

C

Questa moneta presenta i modelli del dritto e del rovescio rivisti e modificati per i difetti riscontrati sulla precedente coniazione denominata quadriga veloce.

IN ALLESTIMENTO…

  Buono da 1 Lira ITALIA SEDUTA

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Ni) Nichelio 975‰
DIAMETRO: 26,5 mm
PESO: 8 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Rappresentazione giunonica dell'Italia seduta a sinistra su piedistallo monumentale che sorregge nella mano destra un ramoscello e nella sinistra una Vittoriola. Nel campo la scitta ITAL | IA divisa dalla rappresentazione. In basso a destra le firme su due righe del modellista e dell'incisore G. ROMAGNOLI || A. MOTTI. INC.. In esergo la data.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Stemma sabaudo crociato e coronato a sinistra con a destra indicazione del valore nominale su due righe BVONO || DA L. 1. Sotto segno di zecca R. Il tutto circondato da corona di lauro con legature, adiacente al bordo.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1922

 

R

82.266.500

CC

1923

 

R

20.175.276

C

1924

 

R

29.288.000

C

1928

 

R

19.995.500

C

  1 Lira IMPERO

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Ni) Nichelio 975‰
DIAMETRO: 26,5 mm
PESO: 8 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE E IMP •. In basso lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Aquila con corpo di fronte, ali spiegate e testa volta a destra, sovrapposta a fascio littorio in verticale. In legenda ITALIA. In esergo stemma sabaudo crociato e coronato tra l'indicazione del nominale L. | 1, a sinistra data e segno di zecca R, a destra indicazione era fascista.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1936 XIV

 

R

119.000

R

1939 XVII

Ac/Ni antimagnetica

R

10.033.000

C

Ac magnetica

R

C

1939 XVIII

Ac/Ni antimagnetica

R

15.997.000

C

Ac magnetica

R

C

1940 XVIII

Ac/Ni antimagnetica

R

25.997.000

C

Ac magnetica

R

C

1941 XIX

Ac magnetica

R

8.550.000

NC

1942 XX

Ac magnetica

R

5.700.000

C

1943 XXI

Ac magnetica

R

11.500.000

R

Nelle monete datate 1939 e 1940 è possibile notare un marcato o nullo magnetismo del metallo. Ciò dovuto al fatto che la composizione della lega formata da acciaio e nichelio vedeva ridursi progressivamente il quantitativo di quest’ultimo al suo interno, fino ad ottenere monete totalmente calamitabili in acmonital (acciaio monetario italiano). 

Dato il progressivo ridursi del quantitativo di nichelio si può apprezzare un magnetismo più o meno marcato, intenso, mediamente intenso, moderato, debole o nullo, in base alla quantità di nichelio presente nella lega. Le coniazioni successive al 1940 sono totalmente in acmonital, quindi calamitabili.

IN ALLESTIMENTO…

  2 Lire AQUILA SABAUDA

MODELLI E INCISIONE: Filippo Speranza
METALLO: (Ag) Argento 835‰
DIAMETRO: 27 mm
PESO: 10 gr
CONTORNO: FERT tra nodi e rosette in incuso

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a destra. Bordo perlinato, in legenda VITTORIO | EMANUELE III. Sotto al collo firma del modellista incisore SPERANZA.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente aquila in stile araldico con corpo di fronte, ali spiegate e testa volta a sinistra, scudo sabaudo in petto e corona al di sopra del capo con nastrini. Bordo perlinato, in legenda ∞ REGNO | D'ITALIA ∞ || L. 2 ★ R ★ data

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1901

 

R

72.467

R2

1902

 

R

549.288

R

1903

 

R

53.622

R3

1904

 

R

157.071

R2

1905

 

R

1.643.037

C

1906

 

R

969.567

C

1907

 

R

1.245.450

C

Con questa coniazione il Maestro incisore e modellista Filippo Speranza, rompe la monotonia dello stemma sabaudo crociato e coronato caratterizzante di tutta la monetazione in argento e oro dei precedenti regnanti del Regno D’Italia. Da questo momento in poi si assisterà a vere e proprie opere d’arte incisorie su tutta la tipologia monetale col susseguirsi dei diversi Maestri di zecca.

IN ALLESTIMENTO…

  2 Lire QUADRIGA VELOCE

MODELLI: Davide Calandra
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Ag) Argento 835‰
DIAMETRO: 27 mm
PESO: 10 gr
CONTORNO: FERT tra nodi e rosette in incuso

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a destra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA entro cerchi di ornamento. Nel campo a sinistra la firma del modellista D. CALANDRA. M.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente quadriga trainata da cavalli impennati verso sinistra, rigidi e fieri nella figura. Sulla stessa in piedi l'Italia in figura allegorica femminile con elmo e mantello che reca nelle mani un ramoscello e uno scudo. Carro decorato da fiori e FERT. Cerchio di ornamento lungo il bordo; in esergo valore nominale L 2 tra nodi savoia. Alla base della raffigurazione a sinistra firma dell'incisore L. GIORGI. INC..

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1908

 

R

2.282.635

C

1910

 

R

718.670

R

1911

 

R

534.810

R2

1912

 

R

2.166.202

C

Con i modelli del Maestro Davide Calandra fa il suo ritorno in scena la quadriga, tradizionale simbolo del trionfo e della vittoria, comunemente rappresentata sulle coniazioni di epoca greca e romana e riproposta nella seconda emissione da 2 lire per Re Vittorio Emanuele III.

IN ALLESTIMENTO…

  2 Lire QUADRIGA BRIOSA

MODELLI: Davide Calandra
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Ag) Argento 835‰
DIAMETRO: 27 mm
PESO: 10 gr
CONTORNO: FERT tra nodi e rosette in incuso

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a destra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA. In basso la firma del modellista D. CALANDRA. M..

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente quadriga trainata da cavalli impennati e scalcianti verso sinistra, movimentati e briosi nella figura. Sulla stessa in piedi l'Italia in figura allegorica femminile con elmo e mantello che reca nelle mani un ramoscello e uno scudo. Carro decorato da fiori e FERT. In esergo valore nominale L 2 tra nodi savoia. Alla base della raffigurazione a sinistra firma del modellista D. CALANDRA. M, a destra firma dell'inisore A. MOTTI. INC..

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1914

 

R

10.390.007

C

1915

 

R

7.947.783

C

1916

 

R

10.923.056

C

1917

 

R

6.122.657

NC

Questa moneta presenta i modelli del dritto e del rovescio rivisti e modificati per i difetti riscontrati sulla precedente coniazione denominata quadriga veloce.

IN ALLESTIMENTO…

  2 Lire CINQUANTENARIO

MODELLI: Domenico Trentacoste
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Ag) Argento 835‰
DIAMETRO: 27 mm
PESO: 10 gr
CONTORNO: FERT tra nodi e rosette in incuso

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D'ITALIA. Sotto al collo su due righe firma D. TRENTACOSTE modellista e L. GIORGI INC. incisore. Bordo orlato da una serie di intaccature e risalti.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura allegorica femminile rappresentante l'Italia, con alle spalle figura allegorica elmata poggiata su piedistallo rappresentate Roma. Sullo sfondo una nave in mare. A destra nel campo linea d'orizzonte con sopra le date 1861-1911 e sotto un aratro con ghirlanda di fiori. A sinistra valore nominale L 2. Bordo orlato da una serie di intaccature e risalti.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1911

 

R

1.000.000

C

Questa moneta, coniata per commemorare il 50° anniversario dell’unità d’Italia, va a collocarsi in una serie di quattro valori di pregevole impatto visivo e molto apprezzata dai collezionisti. Tale serie è composta ulteriormente dal nominale da 10 Centesimi in rame 950‰, da 5 lire in argento 900‰ e dal nominale da 50 lire in oro 900‰.

Da “il giornale della Numismatica” “SECOL SI RINNOVA” MONETE (E UNA MEDAGLIA) PER IL 50° DEL REGNO

IN ALLESTIMENTO…

  Buono da 2 Lire FASCIO

MODELLI: Publio Morbiducci
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Ni) Nichelio 990‰
DIAMETRO: 29 mm
PESO: 10 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto in uniforme del Re volto a destra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA •.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente fascio littorio in verticale dall'estremità inferiore a quella superiore del bordo, alla cui base a destra segno di zecca R. Nel campo, a sinistra su tre righe BVONO || DA LIRE || 2, a destra data e in alto lungo il bordo su due righe firma del modellista P. MORBIDUCCI e dell'incisore A. MOTTI. INC..

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1922

 

R

33.260.000

C

1924

 

R

45.050.500

C

1925

 

R

14.627.921

C

1926

 

R

5.101.353

R

1927

 

R

1.631.500

R2

  2 Lire IMPERO

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Ni) Nichelio 990‰
DIAMETRO: 29 mm
PESO: 10 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a destra, in legenda VITT EM III RE E IMP •. In basso lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Aquila con corpo di fronte, ali spiegate e testa volta a sinistra, poggiata su fascio littorio in orizzontale, tra ghirlanda di fronde di lauro unita in basso da stemma sabaudo crociato e coronato tra l'indicazione del nominale L. | 1. A sinistra data, a destra indicazione su due righe era fascista e segno di zecca R.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1936 XIV

 

R

120.000

R

1939 XVII

Ac/Ni antimagnetica

R

2.900.000

NC

Ac magnetica

R

NC

1939 XVIII

Ac/Ni antimagnetica

R

4.873.000

C

Ac magnetica

R

NC

1940 XVIII

Ac/Ni antimagnetica

R

5.742.000

C

Ac magnetica

R

C

1941 XIX

Ac magnetica

R

1.865.000

NC

1942 XX

Ac magnetica

R

2.450.000

R2

1943 XXI

Ac magnetica

R

600.000

R

Nelle monete datate 1939 e 1940 è possibile notare un marcato o nullo magnetismo del metallo. Ciò dovuto al fatto che la composizione della lega formata da acciaio e nichelio vedeva ridursi progressivamente il quantitativo di quest’ultimo al suo interno, fino ad ottenere monete totalmente calamitabili in acmonital (acciaio monetario italiano). 

Dato il progressivo ridursi del quantitativo di nichelio si può apprezzare un magnetismo più o meno marcato, intenso, mediamente intenso, moderato, debole o nullo, in base alla quantità di nichelio presente nella lega. Le coniazioni successive al 1940 sono totalmente in acmonital, quindi calamitabili.

Le monete con millesimo 1939 XVII risultano di difficile reperibilità in conservazione FDC.

IN ALLESTIMENTO…

  5 Lire CINQUANTENARIO

MODELLI: Domenico Trentacoste
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Ag) Argento 900‰
DIAMETRO: 37 mm
PESO: 25 gr
CONTORNO: FERT tra nodi e rosette in incuso

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D'ITALIA. Sotto al collo su due righe firma D. TRENTACOSTE modellista e L. GIORGI INC. incisore. Bordo orlato da una serie di intaccature e risalti.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura allegorica femminile rappresentante l'Italia, con alle spalle figura allegorica elmata poggiata su piedistallo rappresentate Roma. Sullo sfondo una nave mercantile in mare sulla cui prora è posto lo stemma sabaudo crociato e coronato. Sotto la nave e sinistra le date 1861-1911 e un aratro con ghirlanda di fiori. A destra su due righe valore nominale L 2 e segno di zecca R. Bordo orlato da una serie di intaccature e risalti.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1911

 

R

60.000

R

Questa moneta, coniata per commemorare il 50° anniversario dell’unità d’Italia, va a collocarsi in una serie di quattro valori di pregevole impatto visivo e molto apprezzata dai collezionisti. Tale serie è composta ulteriormente dal nominale da 10 Centesimi in rame 950‰, da 2 lire in argento 835‰ e dal nominale da 50 lire in oro 900‰.

Da “il giornale della Numismatica” “SECOL SI RINNOVA” MONETE (E UNA MEDAGLIA) PER IL 50° DEL REGNO

IN ALLESTIMENTO…

  5 Lire QUADRIGA BRIOSA

MODELLI: Davide Calandra
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Ag) Argento 900‰
DIAMETRO: 37 mm
PESO: 25 gr
CONTORNO: FERT tra nodi e rosette in incuso

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a destra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA. In basso la firma del modellista D. CALANDRA. M..

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente quadriga trainata da cavalli impennati e scalcianti verso sinistra, movimentati e briosi nella figura. Sulla stessa in piedi l'Italia in figura allegorica femminile con elmo e mantello che reca nelle mani un ramoscello e uno scudo. Carro decorato da fiori e FERT. In basso a sinistra anno. In esergo valore nominale L 5 tra nodi savoia. Alla base della raffigurazione a sinistra firma del modellista D. CALANDRA. M, a destra firma dell'inisore A. MOTTI. INC..

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1914

 

R

272.515

R2

Questa moneta di pregevole impatto visivo è molto apprezzata e ricercata dai collezionisti di tutto il mondo. La quadriga su questa moneta di grande modulo risalta tutto lo splendore ed i particolari di incisione.

IN ALLESTIMENTO…

  5 Lire AQUILINO

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Ag) Argento 835‰
DIAMETRO: 23 mm
PESO: 5 gr
CONTORNO: FERT tra nodi e rosette in incuso

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D'ITALIA •. In basso lungo il bordo su due righe firma del modellista G. ROMAGNOLI e dell'incisore A. MOTTI INC..

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Aquila con corpo di fronte, ali spiegate e testa volta a destra, poggiata su fascio littorio in orizzontale. In esergo valore nominale L. 5. Nel campo a sinistra su due righe segno di zecca R e la data.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1926

 

R

5.405.000

R

D/ e R/ bordo largo

R

R

D/ bordo largo

R

R

1927

 

R

2.900.000

C

/C 2 rosette

R

C

1928

 

R

4.873.000

R

/C 2 rosette

R

R

1929

 

R

5.742.000

C

/C 2 rosette

R

C

1930

 

R

1.865.000

C

Per le monete coniate dal 1927 al 1929 si possono distinguere due diverse tipologie di contorno. Il primo, con una sola rosetta tra i nodi e i FERT, caratterizza i tondelli preparati dalla Zecca Reale. Il secondo, con due rosette, contraddistingue i tondelli preparati dalla Società Metallurgica Italiana di Brescia. 

IN ALLESTIMENTO…

  5 Lire FECONDITA' o FAMIGLIA

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Ag) Argento 835‰
DIAMETRO: 23 mm
PESO: 5 gr
CONTORNO: FERT tra nodi e rosette in incuso

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITT EM III | RE E IMP •.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura muliebre seduta simboleggiante l'Italia circondata dai suoi figli, i figli della patria, alla cui sinistra è posto uno scudo sabaudo crociato e coronato con la data ed alla sua destra un fascio littorio con indicazione dell'era fascista. In alto ITA | LIA. In esergo valore nominale L. 5 tra segno di zecca R e firma del modellista G. ROMAGNOLI lungo il bordo.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1936 XIV

 

R

1.016.000

C

1937 XV

 

R

100.000

R

  10 Lire BIGA

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Ag) Argento 835‰
DIAMETRO: 27 mm
PESO: 10 gr
CONTORNO: FERT tra nodi e rosette in incuso

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITT EM III • | RE D'ITALIA •.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente biga trainata da cavalli impennati verso sinistra. Sulla stessa in piedi l'Italia in figura allegorica femminile che reca sulla mano sinistra un fascio littorio. Alla base della raffigurazione a sinistra su due righe firma del modellista G. ROMAGNOLI e dell'incisore A. MOTTI. INC.. In esergo valore nominale L. 10 tra data e segno di zecca R..

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1926

 

R

1.747.500

R

D/ e R/ bordo largo

R

R2

D/ bordo largo

R

R

R/ bordo largo

R

R

1927

 

R

44.800.720

NC

/C 2 rosette

R

C

1928

 

R

6.651.780

NC

/C 2 rosette

R

R2

1929

 

R

6.800.000

R

/C 2 rosette

R

NC

1930

 

R

3.667.500

NC

Per le monete coniate dal 1927 al 1929 si possono distinguere due diverse tipologie di contorno. Il primo, con una sola rosetta tra i nodi e i FERT, caratterizza i tondelli preparati dalla Zecca Reale. Il secondo, con due rosette, contraddistingue i tondelli preparati dalla Società Metallurgica Italiana di Brescia. 

IN ALLESTIMENTO…

  10 Lire IMPERO

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Ag) Argento 835‰
DIAMETRO: 27 mm
PESO: 10 gr
CONTORNO: FERT tra nodi e rosette in incuso

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a destra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE E IMPERATORE.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura allegorica femminile volta a destra su prora di nave, simboleggiante l'Italia, recante nella mano destra un fascio littorio a mo' di bastone poggiato al suolo e nella mano sinistra una Vittoriola. Sulla prora della nave scudo sabaudo crociato e coronato tra due fasci littorio. In basso a sinistra nel campo su due righe data e indicazione dell'era fascista, a destra davanti alla prora segno di zecca R. In alto IT | A | LIA. In esergo valore nominale L. 10 e firma del modellista G. ROMAGNOLI lungo il bordo a destra.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1936 XIV

 

R

618.500

C

  20 Lire LITTORE

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Ag) Argento 800‰
DIAMETRO: 35,5 mm
PESO: 15 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa del Re a collo nudo volta a destra, in legenda • VITTORIO EMANUELE III RE. Vistosa perlinatura lungo la circonferenza del bordo.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Littore recante un fascio littorio a mo' di bastone poggiato al suolo nella mano destra, con braccio sinistro proteso verso figura allegorica femminile simboleggiante l'Italia, maggiore in proporzione e seduta con fiaccola nella mano destra e braccio sinistro poggiato su scudo crociato. In alto ITALIA, in basso a destra su due righe firma del modellista G. ROMAGNOLI e dell'incisore A. MOTTI. INC.. Nel campo sinistro era fascista, a destra su due righe anno e segno di zecca R. In esergo valore nominale L. 20. Vistosa perlinatura lungo la circonferenza del bordo.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1927 V

 

R

3.518.002

C

1928 VI

 

R

2.486.898

NC

  20 Lire ELMETTO o CAPPELLONE

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Ag) Argento 600‰
DIAMETRO: 35,5 mm
PESO: 20 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa del Re con elmo e colletto da uniforme volta a sinistra, in legenda VITT EM III RE •. Lungo il bordo a destra dietro la nuca del Re, su due righe firma del modellista G. ROMAGNOLI e dell'incisore A. MOTTI. INC..

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente fascio littorio con scure sormontata da testa di leone. Sulle legature del fascio, in alto MCMXVIII ed in basso su due righe MCMXXVIII oltre che era fascista A.VI. Sulla scure su sette righe motto del fante sul Piave MEGLIO VIVERE UN GIORNO DA LEONE CHE CENTO ANNI DA PECORA ~. Nel campo a sinistra su tre righe valore nominale L. || 20 e segno di zecca R.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1928 VI

 

R

3.536.250

NC

Questa moneta commemora il decennale della vittoria nella grande guerra del 1915 – 1918.

Da “il giornale della Numismatica” MEGLIO VIVERE UN GIORNO DA LEONE…

Da “gli articoli del CCNI” E IL PIAVE MORMORO’

IN ALLESTIMENTO…

  20 Lire IMPERO

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Ag) Argento 800‰
DIAMETRO: 35,5 mm
PESO: 20 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE E IMPERATORE •.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente quadriga trainata da cavalli in movimento verso destra, rigidi e fieri nella figura. Sulla stessa seduta l'Italia in figura allegorica femminile recante nella mano sinistra un fascio littorio e nella mano destra una Vittoriola. In alto ITALIA. A sinistra dietro il carro su due righe era fascista e anno. In esergo scudo sabaudo crociato e coronato tra due fasci littorio tra valore nominale L. | 20 ed in alto a sinistra firma del modellista G. ROMAGNOLI, a destra segno di zecca R

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1936 XIV

 

R

10.000

R

Modulo dal grande impatto visivo, ambito e ricercato dai collezionisti.

Questa moneta presenta due diverse tipologie di contorno. Del primo tipo con grodonatura a spaziatura e rilievo piano, del secondo tipo con grodonatura a spaziatura e rilievo triangolare.

IN ALLESTIMENTO…

MONETAZIONE IN ORO

  10 Lire ARATRICE

MODELLI: Egidio Boninsegna
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 19 mm
PESO: 3,22 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda ∞ VITTORIO | EMANUELE III.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura allegorica dell'Italia in veste agricola, volta destra con capo retroflesso, recante nelle mani un fascio di spighe di grano e un aratro. In legenda REGNO | D'ITALIA. Valore nominale distribuito a sinistra e destra nei campi LIRE | 10. In esergo: a sinistra firma modellista E. BONINSEGNA M. e a destra firma incisore L. GIORGI INC.; in basso data tra segno di zecca R e simbolo ★.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1912

 

R

6.796

R3

Oro rosso

R

R3

  20 Lire AQUILA SABAUDA

MODELLI E INCISIONE: Filippo Speranza
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 21 mm
PESO: 6,45 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a destra. Bordo perlinato, in legenda VITTORIO | EMANUELE III. Sotto al collo lungo il bordo firma del modellista incisore SPERANZA.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente aquila in stile araldico con corpo di fronte, ali spiegate e testa volta a sinistra, scudo sabaudo in petto e corona al di sopra del capo con nastrini. Bordo perlinato, in legenda ∞ REGNO D'ITALIA ∞ || L. 20 ★ R ★ data

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1902

 

R

181

R4

D/ ancora

R

115

R4

1903

 

R

1.800

R2

1905

 

R

8.715

R

Con questa coniazione il Maestro incisore e modellista Filippo Speranza, rompe la monotonia dello stemma sabaudo crociato e coronato caratterizzante di tutta la monetazione in argento e oro dei precedenti regnanti del Regno D’Italia. Da questo momento in poi si assisterà a vere e proprie opere d’arte incisorie su tutta la tipologia monetale col susseguirsi dei diversi Maestri di zecca.

IN ALLESTIMENTO…

  20 Lire ARATRICE

MODELLI: Egidio Boninsegna
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 21 mm
PESO: 6,45 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda ∞ VITTORIO | EMANUELE III.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura allegorica dell'Italia in veste agricola, volta destra con capo retroflesso, recante nelle mani un fascio di spighe di grano e un aratro. In legenda REGNO | D'ITALIA. Valore nominale distribuito a sinistra e destra nei campi LIRE | 20. In esergo: a sinistra firma modellista E. BONINSEGNA M. e a destra firma incisore L. GIORGI INC.; in basso data tra segno di zecca R e simbolo ★.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1912

 

R

59.970

R

Oro rosso

R

R

  20 Lire FASCETTO

MODELLI E INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 21 mm
PESO: 6,45 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA. Firma del modellista incisore A. MOTTI in basso sotto al collo.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente fascio littorio in verticale dall'estremità inferiore a quella superiore del bordo, alla cui base a sinistra segno di zecca R. Nel campo, a sinistra su due righe LIRE || 20, a destra su tre righe OTTOBRE || 1922 ▲ || 1923.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1923

 

R

20.000

C

Questa moneta commemora, insieme al nominale da lire 100 dello stesso tipo, l’anniversario della marcia su Roma avvenuta l’anno prima.

Seppur appaiono sul mercato monete del tipo che presentano usura da circolazione, la stessa fu coniata per i privati che ne fecero richiesta.

Da “il giornale della Numismatica” FASCIONE, FASCETTO E BUONO DA 2 LIRE: LE “PRIME (NUMISMATICHE) DEL REGIME

IN ALLESTIMENTO…

  50 Lire ARATRICE

MODELLI: Egidio Boninsegna
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 28 mm
PESO: 16,13 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda ∞ VITTORIO | EMANUELE III.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura allegorica dell'Italia in veste agricola, volta destra con capo retroflesso, recante nelle mani un fascio di spighe di grano e un aratro. In legenda REGNO | D'ITALIA. Valore nominale distribuito a sinistra e destra nei campi LIRE | 50. In esergo: a sinistra firma modellista E. BONINSEGNA M. e a destra firma incisore L. GIORGI INC.; in basso data tra segno di zecca R e simbolo ★.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1912

 

R

11.230

R

  50 Lire CINQUANTENARIO

MODELLI: Domenico Trentacoste
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 28 mm
PESO: 16,13 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D'ITALIA. Sotto al collo su due righe firma D. TRENTACOSTE modellista e L. GIORGI INC. incisore. Bordo orlato da una serie di intaccature e risalti.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura allegorica femminile rappresentante l'Italia, con alle spalle figura allegorica elmata poggiata su piedistallo rappresentate Roma. Sullo sfondo una nave mercantile in mare sulla cui prora è posto lo stemma sabaudo crociato e coronato. Sotto la nave e sinistra le date 1861-1911 e un aratro con ghirlanda di fiori. A destra su due righe valore nominale L 50 e segno di zecca R. Bordo orlato da una serie di intaccature e risalti.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1911

 

R

20.000

R

Questa moneta, coniata per commemorare il 50° anniversario dell’unità d’Italia, va a collocarsi in una serie di quattro valori di pregevole impatto visivo e molto apprezzata dai collezionisti. Tale serie è composta ulteriormente dal nominale da 10 Centesimi in rame 950‰, da 2 lire in argento 835‰ e dal nominale da 5 lire in argento 900‰.

Da “il giornale della Numismatica” “SECOL SI RINNOVA” MONETE (E UNA MEDAGLIA) PER IL 50° DEL REGNO

IN ALLESTIMENTO…

  50 Lire LITTORE

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 20,5 mm
PESO: 4,4 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda VITT EM | III RE. In basso lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI e dell'incisore A. MOTTI. INC..

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Littore che avanza verso destra recante in spalla sinistra un fascio littorio. In legenda ITA | LIA. In basso nel campo a sinistra segno di zecca R, a destra su due righe valore nominale L. 50 e anno era fascista.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1931 IX

 

R

19.750

C

1931 X

 

R

12.630

NC

1932 X

 

R

11.851

C

1933 XI

 

R

6.463

R

Queste monete furono coniate congiuntamente alle monete da 100 lire degli stessi anni denominate “Italia su prora”. In particolare, nel gergo collezionistico l’accoppiata della moneta da 50 lire con la stessa del medesimo anno da 100 lire è definita “Coppiola”.

IN ALLESTIMENTO…

  50 Lire IMPERO

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 20,5 mm
PESO: 4,4 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITT EM III • | RE E IMP •. In basso lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Insegna imperiale romana - composta da tre elementi: uno scettro con aquila ad ali spiegate alla sommità, scudo sabaudo crociato e coronato nel mezzo, fascio littorio in basso - tra anno | era fascista e valore nominale L. | 50. In basso a sinistra in prossimità del bordo segno di zecca R.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1936 XIV

 

R

790

R2

  100 Lire AQUILA SABAUDA

MODELLI E INCISIONE: Filippo Speranza
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 35 mm
PESO: 32,25 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a destra. Bordo perlinato, in legenda VITTORIO | EMANUELE III. Sotto al collo firma del modellista incisore SPERANZA.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente aquila in stile araldico con corpo di fronte, ali spiegate e testa volta a sinistra, scudo sabaudo in petto e corona al di sopra del capo con nastrini. Bordo perlinato, in legenda ∞ REGNO | D'ITALIA ∞ || L. 100 ★ R ★ data

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1903

 

R

966

R2

1905

 

R

1.012

R2

Con questa coniazione il Maestro incisore e modellista Filippo Speranza, rompe la monotonia dello stemma sabaudo crociato e coronato caratterizzante di tutta la monetazione in argento e oro dei precedenti regnanti del Regno D’Italia. Da questo momento in poi si assisterà a vere e proprie opere d’arte incisorie su tutta la tipologia monetale col susseguirsi dei diversi Maestri di zecca.

IN ALLESTIMENTO…

  100 Lire ARATRICE

MODELLI: Egidio Boninsegna
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 35 mm
PESO: 35,25 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda ∞ VITTORIO | EMANUELE III.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura allegorica dell'Italia in veste agricola, volta destra con capo retroflesso, recante nelle mani un fascio di spighe di grano e un aratro. In legenda REGNO | D'ITALIA. Valore nominale distribuito a sinistra e destra nei campi LIRE | 100. In esergo: a sinistra firma modellista E. BONINSEGNA M. e a destra firma incisore L. GIORGI INC.; in basso data tra segno di zecca R e simbolo ★.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1912

 

R

4.946

R2

  100 Lire FASCIO

MODELLI E INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 35 mm
PESO: 32,25 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA. Firma del modellista incisore A. MOTTI in basso sotto al collo.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente fascio littorio in verticale dall'estremità inferiore a quella superiore del bordo, alla cui base a sinistra segno di zecca R. Nel campo, a sinistra su due righe LIRE || 100, a destra su tre righe OTTOBRE || 1922 ▲ || 1923.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1923

 

R

20.000

R

Questa moneta commemora, insieme al nominale da lire 20 dello stesso tipo, l’anniversario della marcia su Roma avvenuta l’anno prima.

Seppur appaiono sul mercato monete del tipo che presentano usura da circolazione, la stessa non ha circolato a causa del valore intrinseco dell’oro contenuto superiore al valore nominale.

Da “il giornale della Numismatica” FASCIONE, FASCETTO E BUONO DA 2 LIRE: LE “PRIME (NUMISMATICHE) DEL REGIME

IN ALLESTIMENTO…

  100 Lire VETTA D'ITALIA

MODELLI: Augusto Mistruzzi
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 35 mm
PESO: 35,25 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa del Re a collo nudo volta a sinistra, posta su due rami di quercia, che attraversano una corona, alla cui base, lungo il bordo, è indicato a sinistra l'anno 1900 e a destra l'anno 1925. In legenda VITT EM III | RE D'ITALIA.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura maschile preminente a sinistra che fissa con la mano ed il braccio destro la bandiera del Regno d'Italia su vetta rocciosa alla cui base è rappresentato in incuso un fascio littorio con scure alla cui destra vi è su due righe VETTA || D'ITALIA. Nella mano destra sorregge una Vittoriola. Valore nominale LIRE | 100 diviso dalla figura, nel campo. In basso lungo il bordo, a sinistra l'anno 1915 e a destra l'anno 1918. Indicazione del segno di zecca R nel campo destro inferiore. Firma del modellista MISTRUZZI in basso lungo il bordo.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1925

 

R

5.000

R

Questa moneta commemora il 25° anniversario del Regno di Vittorio Emanuele III.

La stessa non ha circolato a causa del valore intrinseco dell’oro contenuto superiore al valore nominale.

Da “il giornale della Numismatica” LA VETTA D’ITALIA: 100 LIRE “PESANTI” PER UN RE ANCORA “VITTORIOSO”

IN ALLESTIMENTO…

  100 Lire ITALIA SU PRORA

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 23,5 mm
PESO: 8,8 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE. In basso sotto al collo nodo Savoia e lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI e dell'incisore A. MOTTI. INC..

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura allegorica femminile volta a sinistra su prora di nave, simboleggiante l'Italia, recante nella mano destra un ramoscello e nella mano sinistra una fiaccola accesa. Sulla prora della nave fascio littorio ed in basso sulla fiancata segno di zecca R. Nel campo a sinistra ITALIA e a destra valore nominale L 100 con sotto su due righe data e indicazione dell'era fascista.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1931 IX

 

R

22.923

C

1931 X

 

R

11.540

R

1932 X

 

R

9.081

R

1933 XI

 

R

6.464

R

Queste monete furono coniate congiuntamente alle monete da 50 lire degli stessi anni denominate “Littore”. In particolare, nel gergo collezionistico l’accoppiata della moneta da 100 lire con la stessa del medesimo anno da 50 lire è definita “Coppiola”.

Da “il giornale della Numismatica” ORI DEL REGNO: LE 100 LIRE ITALIA SU PRORA DEL 1931-1933

IN ALLESTIMENTO…

  100 Lire LITTORE - 1° tipo

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 23,5 mm
PESO: 8,8 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a destra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE E IMP •. In basso lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Littore che avanza verso destra recante in spalla destra un fascio littorio e nella mano sinistra una Vittoriola, alla cui base nel campo a sinistra anno e a destra era fascista. In legenda ITA | LIA. In esergo scudo sabaudo crociato e coronato tra valore nominale L. | 100 e a destra segno di zecca R.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1936 XVI

 

R

812

R2

Coniata per commemorare la proclamazione dell’Impero.

Queste moneta differisce dalla stessa denominata “del 2° tipo” per diametro e peso, in ragione al R. Decreto n. 1745 del 5 ottobre 1936 che fissava, per le monete coniate a partire dal 1937, la parità di oro fino per 100 lire a 4,677 gr contro i 7,919052 gr di fino della presente.

IN ALLESTIMENTO…

  100 Lire LITTORE - 2° tipo

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 20,7 mm
PESO: 5,19 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a destra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE E IMP •. In basso lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Littore che avanza verso destra recante in spalla destra un fascio littorio e nella mano sinistra una Vittoriola, alla cui base nel campo a sinistra anno e a destra era fascista. In legenda ITA | LIA. In esergo scudo sabaudo crociato e coronato tra valore nominale L. | 100 e a destra segno di zecca R.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1937 XVI

 

R

249

R3

Coniata per commemorare la proclamazione dell’Impero.

Queste moneta differisce dalla stessa denominata “del 1° tipo” per diametro e peso, in ragione al R. Decreto n. 1745 del 5 ottobre 1936 che fissava, per le monete coniate a partire dal 1937, la parità di oro fino per 100 lire a 4,677 gr contro i 7,919052 gr di fino per la moneta del 1° tipo.

IN ALLESTIMENTO…

MONETE NON EMESSE

Si tratta di coniazioni ufficiali mai entrate in circolazione.

  5 Centesimi SPIGA - 1° tipo

MODELLI E INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Fe) Ferro 750‰ (Ni) Nichelio 250‰
DIAMETRO: 17 mm
PESO: 2 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA. Firma del modellista incisore A. MOTTI in basso sotto al collo.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Spiga di grano simmetrica con foglia a sinitra tra l'indicazione del nominale C. | 5. Nel campo destro data e segno di zecca R al margine basso della spiga raffigurata.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1918

 

R

R

1919

 

R

R

Di questa moneta non fu autorizzata l’emissione a causa della particolare morbidezza della lega, non atta a sopportare la circolazione.

IN ALLESTIMENTO…

  5 Lire AQUILA SABAUDA

MODELLI E INCISIONE: Filippo Speranza
METALLO: (Ag) Argento 900‰
DIAMETRO: 37 mm
PESO: 25 gr
CONTORNO: FERT tra nodi e rosette in incuso

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a destra. Bordo perlinato, in legenda VITTORIO | EMANUELE III. Sotto al collo firma del modellista incisore SPERANZA.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente aquila in stile araldico con corpo di fronte, ali spiegate e testa volta a sinistra, scudo sabaudo in petto e corona al di sopra del capo con nastrini. Bordo perlinato, in legenda ∞ REGNO | D'ITALIA ∞ || L. 5 R 1901

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1901

 

R

R4

Con questa coniazione il Maestro incisore e modellista Filippo Speranza, rompe la monotonia dello stemma sabaudo crociato e coronato caratterizzante di tutta la monetazione in argento e oro dei precedenti regnanti del Regno D’Italia. Da questo momento in poi si assisterà a vere e proprie opere d’arte incisorie su tutta la tipologia monetale col susseguirsi dei diversi Maestri di zecca.

IN ALLESTIMENTO…

  10 Lire ARATRICE

MODELLI: Egidio Boninsegna
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 19 mm
PESO: 3,22 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda ∞ VITTORIO | EMANUELE III.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura allegorica dell'Italia in veste agricola, volta destra con capo retroflesso, recante nelle mani un fascio di spighe di grano e un aratro. In legenda REGNO | D'ITALIA. Valore nominale distribuito a sinistra e destra nei campi LIRE | 10. In esergo: a sinistra firma modellista E. BONINSEGNA M. e a destra firma incisore L. GIORGI INC.; in basso 1910 tra segno di zecca R e simbolo ★.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1910

 

R

5.202

R5

Di questa moneta non fu autorizzata l’emissione a causa di una differenza rilevata nel titolo dell’oro dei tondelli.

IN ALLESTIMENTO…

  20 Lire ARATRICE

MODELLI: Egidio Boninsegna
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 21 mm
PESO: 6,45 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda ∞ VITTORIO | EMANUELE III.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura allegorica dell'Italia in veste agricola, volta destra con capo retroflesso, recante nelle mani un fascio di spighe di grano e un aratro. In legenda REGNO | D'ITALIA. Valore nominale distribuito a sinistra e destra nei campi LIRE | 20. In esergo: a sinistra firma modellista E. BONINSEGNA M. e a destra firma incisore L. GIORGI INC.; in basso 1910 tra segno di zecca R e simbolo ★.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1910

 

R

32.589

R5

Di questa moneta non fu autorizzata l’emissione a causa di una differenza rilevata nel titolo dell’oro dei tondelli.

IN ALLESTIMENTO…

  20 Lire LITTORE

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Ag) Argento 800‰
DIAMETRO: 35,5 mm
PESO: 15 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa del Re a collo nudo volta a destra, in legenda • VITTORIO EMANUELE III RE. Vistosa perlinatura lungo la circonferenza del bordo.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Littore recante un fascio littorio a mo' di bastone poggiato al suolo nella mano destra, con braccio sinistro proteso verso figura allegorica femminile simboleggiante l'Italia, maggiore in proporzione e seduta con fiaccola nella mano destra e braccio sinistro poggiato su scudo crociato. In alto ITALIA, in basso a destra su due righe firma del modellista G. ROMAGNOLI e dell'incisore A. MOTTI. INC.. Nel campo sinistro V, a destra su due righe 1927 e segno di zecca R. In esergo valore nominale L. 20. Vistosa perlinatura lungo la circonferenza del bordo.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1927 V

 

R

100

R3

  50 Lire ARATRICE

MODELLI: Egidio Boninsegna
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 28 mm
PESO: 16,13 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda ∞ VITTORIO | EMANUELE III.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura allegorica dell'Italia in veste agricola, volta destra con capo retroflesso, recante nelle mani un fascio di spighe di grano e un aratro. In legenda REGNO | D'ITALIA. Valore nominale distribuito a sinistra e destra nei campi LIRE | 50. In esergo: a sinistra firma modellista E. BONINSEGNA M. e a destra firma incisore L. GIORGI INC.; in basso 1910 tra segno di zecca R e simbolo ★.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1910

 

R

2.096

R5

Di questa moneta non fu autorizzata l’emissione a causa di una differenza rilevata nel titolo dell’oro dei tondelli.

IN ALLESTIMENTO…

  100 Lire ARATRICE

MODELLI: Egidio Boninsegna
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 35 mm
PESO: 35,25 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda ∞ VITTORIO | EMANUELE III.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Figura allegorica dell'Italia in veste agricola, volta destra con capo retroflesso, recante nelle mani un fascio di spighe di grano e un aratro. In legenda REGNO | D'ITALIA. Valore nominale distribuito a sinistra e destra nei campi LIRE | 100. In esergo: a sinistra firma modellista E. BONINSEGNA M. e a destra firma incisore L. GIORGI INC.; in basso 1910 tra segno di zecca R e simbolo ★.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1910

 

R

2.013

R5

Di questa moneta non fu autorizzata l’emissione a causa di una differenza rilevata nel titolo dell’oro dei tondelli.

IN ALLESTIMENTO…

  100 Lire LITTORE - 2° tipo

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Pietro Giampaoli
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 20,7 mm
PESO: 5,19 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa dal ritratto attempato del Re a collo nudo volta a destra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE E IMP •. In basso lungo il bordo firma del modellista G. ROMAGNOLI.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Littore che avanza verso destra recante in spalla destra un fascio littorio e nella mano sinistra una Vittoriola, alla cui base nel campo a sinistra 1940 e a destra XVIII. In legenda ITA | LIA. In esergo scudo sabaudo crociato e coronato tra valore nominale L. | 100 e a destra segno di zecca R.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1940 XVIII

 

R

249

R3

MONETE CAMPIONE

Non destinate alla circolazione, sprovviste di una regolare emissione .

  5 Centesimi VALORE

MODELLI E INCISIONE: Filippo Speranza
METALLO: (Cu) Rame 960‰
DIAMETRO: 25 mm
PESO: 5 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ITALIA. Sotto al collo firma del modellista incisore SPERANZA.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Tra fronde di lauro e di quercia annodate in basso: Valore nominale 5 CENTESIMI su due righe; sotto 1904. In basso modello di zecca R, in apice stella fulgente.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1904

1° tipo

R

R5

1904

2° tipo

R

R5

  10 Centesimi ITALIA SU PRORA

MODELLI: Pietro Canonica
INCISIONE: Luigi Giorgi
METALLO: (Cu) Rame 960‰
DIAMETRO: 30 mm
PESO: 10 gr
CONTORNO: liscio

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Semibusto giovanile in uniforme del Re volto a sinistra, in legenda VITTORIO EMANUELE III RE D’ ITALIA.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Rappresentazione giunonica dell'Italia che reca nella mano destra un ramoscello, su prora di nave in mare e sulla stessa segno di zecca R e firme P. CANONICA M. modellista || L. GIORGI. I. incisore. In legenda valore nominale CENT. 10 | 1908.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1908

 

R

R5

  20 Lire AQUILA SABAUDA

MODELLI E INCISIONE: Filippo Speranza
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 21 mm
PESO: 6,45 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa giovanile del Re a collo nudo volta a destra. Bordo perlinato, in legenda VITTORIO | EMANUELE III. Sotto al collo lungo il bordo firma del modellista incisore SPERANZA.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente aquila in stile araldico con corpo di fronte, ali spiegate e testa volta a sinistra, scudo sabaudo in petto e corona al di sopra del capo con nastrini. Bordo perlinato, in legenda ∞ REGNO D'ITALIA ∞ || L. 20 ★ R ★ 1908.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1908

 

R

R5

  20 Lire ELMETTO o CAPPELLONE - Oro

MODELLI: Giuseppe Romagnoli
INCISIONE: Attilio Silvio Motti
METALLO: (Au) Oro 900‰
DIAMETRO: 35,5 mm
PESO: 32,25 gr
CONTORNO: rigato

RAFFIGURAZIONE DEL DRITTO:
Testa del Re con elmo e colletto da uniforme volta a sinistra, in legenda VITT EM III RE •.

RAFFIGURAZIONE DEL ROVESCIO:
Imponente fascio littorio con scure sormontata da testa di leone. Sulle legature del fascio, in alto MCMXVIII ed in basso su due righe MCMXXVIII oltre che era fascista A.VI. Lungo il bordo in alto a sinistra ORO PROVA. Sulla scure su sei righe motto del fante sul Piave MEGLIO VIVERE UN GIORNO DA LEONE CHE CENTO ANNI DA PECORA ~. Nel campo a sinistra su tre righe valore nominale L. || 20 e segno di zecca R.

ANNO

NOTE

ZECCA

TIRATURA

RARITA’

1928 VI

 

R

15

R4

Questa moneta di prova in oro presenta il motto attribuito all’ignoto fante del Piave disposto su sei righe anziché sette come nella moneta in argento ed inoltre mancante delle firme del modellista e incisore.

Il valore intrinseco dell’oro fino contenuto superava di gran lunga il valore nominale, considerando il peso di 32,25 grammi, pertanto la coniazione in oro non avrebbe avuto alcun senso per la circolazione e quindi le finalità sono esclusivamente di ostentazione e celebrative del decennale della Vittoria della Prima Guerra Mondiale.

Da “cronaca numismatica” Ancora su MOTTI e PROVE delle 20 lire ELMETTO del 1928

IN ALLESTIMENTO…